Testo codice del consumo aggiornato 2016 2017 ex d. lgs. n. 206 del 2005 on line


Testo integrale del codice del consumo o dei consumatori in parte commentato ed aggiornato con successive modifiche al 2017 ex normativa di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005 n. 206


Ultimo aggiornamento del Codice dei Consumatori

Benvenuti in Codice al Consumo on line by Calcolaonline.com! Quello che è chiamato come Codice al Consumo è una legge ed esattamente un Decreto Legislativo del 6 settembre del 2005 nr. 206 il quale è specializzato in materia di tutela dei diritti del consumatore. Il CdC (acronimo di Codice del Consumo) rappresenta la migliore ed innovativa normativa che hanno a disposizione tutti i consumatori italiani. In una sorta di sintesi storica, possiamo dire che l'evoluzione della legislazione, tesa a tutelare utenti e consumatori nei confronti sia dei produttori di bene e/o servizi sia dai liberi professionisti che nei confronti della pubblica amministrazione, è stata lenta e travagliata. Tuttavia, ad onor di cronaca, noi Cittadini, Utenti e Consumatori Italiani, non dobbiamo ringraziare tanto lo Stato Italiano ma la Comunità o Unione Europea la quale, pensate, già nel lontano 1985 emanava una delle prime Direttive CEE (la 85/577) con le quali definiva lo status di Consumatore e iniziava a tutelare i primi diritti medesimi. Da allora è stato un continuo susseguirsi di Direttive CEE intese a tutelare Utenti e Consumatori Europei. Tuttavia, l'Italia, ha sempre ritardato la ricezione di queste direttive o ha tentato di recepirle in maniera difforme a causa delle forti pressioni provenienti dalle lobby economiche più potenti come ad esempio quelle delle assicurazioni, bancarie e finanziarie, etc. sia italiane che internazionali. A causa di ciò, abbiamo assistito ad emanazioni di singole leggi e leggine le quali, di volta in volta, hanno regolamentato porzioni o settori della materia de qua creando spesso confusione e contraddizioni tra la normativa in vigore. Finalmente, con il citato d.lgs. n. 206 del 6 settembre 2005, è stata attuata una svolta nella legislazione de qua: è entrato in vigore il Codice del Consumo il quale ha la caratteristica di riunire in un solo ed unico testo tutta la previgente normativa a tutela e protezione dei consumatori. Una operazione, oseremo dire, mastodontica, la quale ha comportato ben due anni di lavori preparatori. Infatti, la creazione di un unico testo o Codice che dir si voglia fu previsto dalla legge delega n. 229/2003 la quale, a seguito di un'ulteriore Direttiva CEE, che imponeva il riassetto della materia agli stati aderenti, ha riunito tutta la normativa nel primo Codice o Testo Unico del Consumo.

Quindi con l'introduzione del Codice del Consumo del 2005 è stata da un lato riunita tutta una serie di normativa che prima era sparsa in tante norme, nonchè dall'altro, l'abrogazione di quelle leggi contradditorie e/o superate. A conferma di ciò c'è: 1) il lungo preambolo che precede l'inizio del codice il quale elenca tutta la normativa "vista" dal legislatore per creare un testo unico organico; 2) un altrettanto elenco col quale viene ufficializzata tutta la normativa abrogata precisamente dall'ultimo articolo, il 146, che, essendo, appunto, l'ultimo, indica una nuova fase di tutela e protezione in capo al consumatore italiano. Ancora, un'altra prova della unicità del Codice del consumo è data dal fatto che da quando è stato introdotto ha sì subìto numerose modifiche, ma queste, questa volta, non sono rappresentate da altre norme sparse ma modificano il testo del codice che rimane dunque unico ed organico. Ed a proposito di codice del consumo e successive modifiche, quello che proponiamo è aggiornato con le seguenti e successive modifiche: le più importanti, attuate dal decreto legislativo 2 agosto 2007 n. 146 e da quello del 23 ottobre 2007 n. 221. Poi, altre e successive modifiche minori come quelle apportate dalla legge 24 dicembre 2007 n. 244 e del 27 febbraio 2009 n. 14, dalla legge del 7 luglio 2009 n. 88 e del 23 luglio 2009 n. 99, dal decr. lgs. del 13 agosto 2010 n. 141 e dal decreto legge del 13 maggio 2011 n. 70, nonchè dal decreto lgs. 23 maggio 2011 n. 79 e dalla legge 12 luglio 2011 n. 106 fino ad arrivare al noto Decreto Crescita o legge 17 dicembre 2012 n. 221 il quale ha apportato le ultime modifiche all'art. 21 in tema di pratiche commerciali ingannevoli ed in vigore per il 2013 e per parte del corrente 2014. Tuttavia, proprio per il presente 2014 ci saranno importanti modifiche: infatti, al vaglio del Parlamento Italiano la direttiva cee n. 2011/83/UE la quale detta norme soprattutto a tutela degli acquisti online a livello europeo, alle quali l'Italia doveva adeguarsi entro il 13 giugno 2014: com'è finita? Bene! E' stato emanato il decreto legislativo n. 21 del 21 febbraio 2014 che entrerà appunto in vigore proprio il 13/06/2014 quindi le successive modifiche al Codice del Consumo dovrebbero essere operative cioè applicate dal 13-06-2014. Noi, come sempre, abbiamo già aggiornato il codice del consumo con le novelle apportate dal d.lgs. n. 21/2014 (vedi link in fondo) specificando la data di entrata in vigore. Ove possibile, pubblicheremo anche i vecchi artt. abrogati di recente in quanto sono comunque rilevanti per i procedimenti nati da questi e tutt'oggi pendenti. Infine, circa la necessità di un codice del consumo commentato per articolo che dire... la maggior parte degli articoli del codice sembra essere propositamente scritto per i NON addetti ai lavori: è chiaro e trasparente. Tuttavia, al bisogno aggiungeremo un commento al singolo art. magari supportato da giurisprudenza e dottrina. Grazie!


Aggiornamento 2015: Il testo è stato aggiornato al decreto legislativo n. 130 del 6 agosto 2015 il quale ha introdotto la procedura ADR (sigla di Alternative Dispute Resolution) cioè un nuovo modo di gestire, redimere le liti fuori dai tribunali e senza l'ausilio di avvocati. In particolare la novella riguarda la reiscrizione dell'art. 141 e la introduzione degli artt. 141-bis -> 141-decies. Altre, sono, comunque, le novelle apportate dal d.lgs. n. 130/2015 le quali sono state regolarmente aggiornate all'interno del codice.
Aggiornamento 2016: Nuovo aggiornamento all'inizio del 2016, precisamente al decreto legislativo n. 8 del 15 gennaio 2016 il quale ha introdotto una serie di depenalizzazzioni alcune delle quali riguardanti proprio il codice del consumo (cfr. art. 112). Insieme alla depenalizzazione, il d. lgs. n. 8/2016 ha rideterminato le sanzioni pecuniarie amministrative (cfr. art. 12) e il significato di recidiva per i reati depenalizzati.
Testo protetto dal copyright by Calcolaonline.com©


Argomenti correlati pubblicati di recente: testo integrale del codice del turismo in pdf decreto legislativo 21 febbraio 2014 n. 21 recante nuove norme sui contratti a distanza e fuori dai locali commerciali


Codice consumo 2016 2017