Home Page Prestiti Online by CalcolaOnline.com


Prestiti artigiani 2017 & prestiti artigiani cattivi pagatori segnalati


Credito finanziamenti e prestiti agevolati per artigiani nel 2017 & soluzioni per prestiti ad artigiani cattivi pagatori segnalati o in difficoltà



Chi fa prestiti agli artigiani nel 2017? Anche per il corrente anno tutti i finanziamenti erogati a favore degli artigiani dipendono dal tipo di prestito che necessita il singolo esercente attività artigianale, compreso l'aspirante artigiano, e che, sostanzialmente, possiamo dividere in tre distinte categorie: A) prestiti per nuovi artigiani o per chi ha da tempo un'attività avviata con regolare partita iva che voglia investire sulla professione. In questa prima categoria rientrano i prestiti agevolati per artigiani nonchè quelli a fondo perduto; B) aiuti e/o prestiti per artigiani in difficoltà laddove per questo intendiamo quei soggetti con scarsa liquidità provocata dalla crisi o dal fisco ovvero per altre cause; C) prestiti ad artigiani segnalati cattivi pagatori i quali, per svariati motivi, non sono stati in grado di superare le difficoltà che col tempo hanno provocato una iscrizione in qualche banca dati negativa. Approfondiamo separatamente ogni singola tipologia di credito per artigiani 2017.

Prestiti agevolati per giovani artigiani 2017 per avvio di nuove imprese e/o aziende artigiane. Per gli aspiranti e giovani artigiani che voglio avviare una startup nel sistema dell'artigianato italiano sono previste alcune opportunità, le più interessanti delle quali sono il prestito di Artigiancassa noto come Avvio Attività ed il prestito d'onore per lavoro autonomo. Riteniamo che, confrontando i due finanziamenti, quello di Artigiancassa sia nettamente migliore circa i tempi di erogazione, ammortamento (fino a 15 anni), non ha vingoli territoriali in quanto può essere richiesto in tutta Italia ed arriva fino a 300mila euro, ma, c'è il rovescio della medaglia, il prestito di Artigiancassa per avvio attività è un prestito a tasso agevolato per artigiani mentre il Prestito d'Onore oltre alle agevolazioni sui tassi di interesse, prevede un fondo perduto che può arrivare fino al 75% del capitale erogato. Spetta al neo artigiano decidere a quale dei due finanziamenti affidarsi! Per ulteriori informazioni consultare prestiti agevolati cna & artigiancassa per artigiani 2017. Vediamo invece quali sono i prestiti per artigiani con partita iva già avviati i quali chiedono prestiti per uso investimento quindi per potenziare, allargare, magari all'estero cioè internazionalizzare la propria sfera di attività artigianale.

Prestiti ad artigiani con partita iva attiva: questo tipo di finanziamento è rivolto a chi ha un'attività artigianale già avviata e consiste nella richiesta di credito per espanderla. La parte da leone in tal caso la fa Artigiancassa la quale mediante la richiesta di prestiti a tasso agevolato per artigiani nel corrente 2017 eroga alcuni prestiti ed in particolare, il più rilevante, la cui agevolazione cade sui tassi, è il "prestito Artigiancassa investimenti": finanzia fino ad un milione di euro fino a 15 anni per acquistare beni come materie prime, veicoli, macchinari, eccetera. Il prestito Investimenti di Artigiancassa è allettante perchè garantito anche dalla Garanzia Confidi. Simile a quello appena detto, è il "prestito Artigiancassa telematica" che, come si evince dal nome, è destinato per investimenti in sistemi informatici e telematici come ad esempio, web, e-commerce, etc. Non mancano inoltre prestiti ad artigiani a fondo perduto nelle due versioni: in conto capitale (a fondo perduto sul capitale erogato) ed in conto interessi (a fondo perduto su una quota degli interessi passivi) per i quali rinviamo su prestiti a fondo perduto per artigiani 2017. Infine, come anticipato, vi sono anche una serie di bandi per la internazionalizzazione 2017 dell'impresa artigianale sia in ambito Ue che fuori dall'Unione Europea. La maggior parte di questi bandi prevede anche dei contributi a fondo perduto stanziati dal Mise (Ministero dello sviluppo economico) per il 2017. Il problema è presentare la richiesta in tempo perchè ogni bando rimane "aperto" per un breve periodo di tempo.

Prestiti e/o aiuti per artigiani in difficoltà: la migliore soluzione o forma di aiuto che possiamo indicare ad un artigiano in difficoltà, ma NON ancora iscritto in alcuna centrale rischi, è il finanziamento Artigiancassa "liquidità a breve termine" il quale, se ottenuto tempestivamente, evita il peggioramento della situazione finanziaria la quale, spesso, porta alla predetta iscrizione. Proprio perchè è un soggetto in difficoltà finanziaria, questo tipologia di aiuti per artigiani ha la garanzia di Confidi cioè della Fedart Fidi. Se, invece, in qualche modo è subentrata la segnalazione in una banca dati, per es. la Crif, siamo nell'ipotesi dei prestiti per artigiani segnalati cattivi pagatori per i quali non rileva lo status di artigiano cattivo pagatore in quanto si rientra tra quelle forme di credito per autonomi segnalati ed ai quali operiamo un rinvio a chi fosse interessato su prestiti per autonomi segnalati in banca dati crif