Art. 138 codice consumo - Legittimazione ad agire associazioni consumatori


Articolo 139 codice del consumo - Legittimazione ad agire delle associazioni dei consumatori - D.Lgs. 206/2005


Ultimo aggiornamento del Codice dei Consumatori

Articolo 139 codice del consumo - Legittimazione ad agire delle associazioni dei consumatori - D.Lgs. 206/2005

Titolo II
Accesso alla giustizia (1)

Art. 139 Legittimazione ad agire
1. Le associazioni dei consumatori e degli utenti inserite nell'elenco di cui all'art. 137 sono legittimate ad agire, ai sensi dell'art. 140, (2) a tutela degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti. Oltre a quanto disposto dall'art. 2, le dette associazioni sono legittimate ad agire nelle ipotesi di violazione degli interessi collettivi dei consumatori contemplati nelle materie disciplinate dal presente codice, nonchè dalle seguenti disposizioni legislative:
a) legge 6 agosto 1990, n. 223, e successive modificazioni, ivi comprese quelle di cui al testo unico della radiotelevisione, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, (3) e legge 30 aprile 1998, n. 122, concernenti l'esercizio delle attività televisive;
b) decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 541, come modificato dal decreto legislativo 18 febbraio 1997, n. 44, e legge 14 ottobre 1999, n. 362, concernente la pubblicità dei medicinali per uso umano.
b-bis) decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59, recante attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno. (4)
2. Gli organismi pubblici indipendenti nazionali e le organizzazioni riconosciuti in altro Stato dell'Unione europea ed inseriti nell'elenco degli enti legittimati a propone azioni inibitorie a tutela degli interessi collettivi dei consumatori, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee, possono agire, ai sensi del presente articolo e secondo le modalità di cui all'art. 140, nei confronti di atti o comportamenti lesivi per i consumatori del proprio Paese, posti in essere in tutto o in parte sul territorio dello Stato.


(1) Rubrica così modificata dall'art. 2, comma 449, L. n. 244/2007;
(2) Le parole: "ai sensi dell’articolo 140" sono state inserite dall'art. 16, comma 1, D. L.vo n. 221/2007;
(3) Comma così novellato dall'art. 16, comma 1, D. L.vo n. 221/2007;
(4) La lettera b-bis) è stata aggiunta dall'art. 85, comma 5-bis, d. lgs. n. 59/2010, come inserito dall'art. 20, comma 1, lett. e), d. lgs. n. 147 del 14 agosto 2012.


Articolo commentato: L'importanza dell'art. 139 riposa sul fatto che riconosce la legittimazione ad agire attiva alle associazioni dei consumatori cioè la possibilità che possano fare causa, citare in giudizio chi ha leso gli interessi collettivi dei consumatori.
Ma chi è legittimato ad agire ? Può agire qualsiasi associazione ? No! La legittimazione ad agire attiva è riconosciuta solo a quelle associazioni dei consumatori ed utenti che siano inseriti nell'elenco di cui all'art. 137. Quindi, una associazione non riconosciuta non ha la legittimazione ad agire. Per sapere chi sono queste, abbiamo pubblicato un elenco aggiornato a fine 2016 consultabile dopo il testo integrale del predetto articolo su: art. 137 - elenco nazionale associazioni consumatori e utenti. Inoltre, dal 2007 e fino ai nostri giorni la legittimazione ad agire delle associazioni è stata ampliata da alcune leggi comprendendo ora materie come quelle ambientaliste radiotelevisive farmaci per uso umano etc. Infine, il comma 2 ha previsto la legittimazione ad agire delle associazioni riconosciute in uno stato dell'Unione Europea qualora il comportamento lesivo sia posto in Italia ma sia contemporaneamente lesivo dei consumatori del loro paese.



articolo 138articolo 140Segnala problema

Art. 139 codice del consumo