Art. 72 bis codice consumo - Obbligo della fideiussione nella multiproprietÓ


Articolo 72 bis codice del consumo - Obbligo della fideiussione nella multiproprietÓ e problema della vendita in piantina di immobili oggetto di multiproprietÓ


Ultimo aggiornamento del Codice dei Consumatori

Articolo 72 bis codice del consumo - Obbligo della fideiussione nella multiproprietÓ e problema della vendita in piantina di immobili oggetto di multiproprietÓ - D.Lgs. 206/2005

Art. 72-bis Obbligo di fideiussione per i contratti di multiproprietÓ

1. L'operatore non avente la forma giuridica di societÓ di capitali ovvero con un capitale sociale versato inferiore a 5.500.000 euro e non avente sede legale e sedi secondarie nel territorio dello Stato Ŕ obbligato a prestare idonea fideiussione bancaria o assicurativa a garanzia della corretta esecuzione del contratto.
2. L'operatore Ŕ in ogni caso obbligato a prestare fideiussione bancaria o assicurativa allorquando l'alloggio oggetto del contratto di multiproprietÓ sia in corso di costruzione, a garanzia dell'ultimazione dei lavori.
3. Delle fideiussioni deve farsi espressa menzione nel contratto di multiproprietÓ a pena di nullitÓ.
4. Le garanzie di cui ai commi 1 e 2 non possono imporre al consumatore la preventiva esclusione dell'operatore.


Articolo commentato Il Codice del Turismo, che ha inserito l'art. 72 bis nel Codice del Consumo, ha introdotto una importante novitÓ nel campo delle garanzie relative all'acquisto di una multiproprietÓ cioŔ l'obbligo di prestare una fideiussione la quale garantisca la realizzazione dei lavori laddove l'immobile oggetto della futura fideiussione sia in corso di costruzione. Posto ci˛, facciamo notare un parallelismo tra l'art. 72 bis e il decreto legislativo n. 122/2005. Quest'ultimo, prevede la obbligatorietÓ della fideiussione nelle vendite in piantina di immobili ovvero in costruendo. La domanda, sottesa ad un problema, che ci poniamo Ŕ la seguente: Ŕ obbligatoria la fideiussione de qua quando l'immobile oggetto della multiproprietÓ esiste solo sulla carta ? In sostanza, Ŕ obbligatoria la fideiussione di una multiproprietÓ in costruendo o in piantina ? L'interrogativo Ŕ lecito laddove, da una parte: il comma 2 dell'art. 72 bis menziona SOLO l'ipotesi de "...in corso di costruzione..."; mentre, e dall'altra parte: il d.lgs. n. 122/2005 Ŕ molto specifico, addirittura nell'intestazione della legge parla di "...immobili da costruire...", e nella lett. d) del comma 1 definisce come immobili da costruire quelli per i quali sia stato chiesto il permesso di costruire. Tali locuzioni espresse dal d.lgs. n. 122/2005 lasciano pochi margini alla libera interpretazione: si tratta per certo di immobili esistenti sono in piantina. Ma la stessa cosa non possiamo dire per gli immobili oggetto di multiproprietÓ laddove per questi l'art. 72 bis descrive solo la fattispecie de "in corso di costruzione". Cosa fare? Un buon giurista direbbe che le disposizioni del d.lgs. n. 122/2005 si applicano, per analogia, anche al caso del comma 2 dell'art. 72 bis, o meglio ancora, applicare il d.lgs. n. 122/2005 perchŔ disposizione pi¨ favorevole al consumatore (come previsto in varie parti del Codice del Consumo). Beh, anche noi siamo d'accordo con il buon giurista, ma per la serie prevenire Ŕ meglio che curare, consigliamo caldamente al consumatore di non aderire a contratti di multiproprietÓ in costruendo, salvo che l'operatore o chi per lui rilasci ampia fideiussione bancaria o assicurativa con le stesse modalitÓ previste dal d.lgs. n. 122/2005.




articolo 72articolo 73Segnala problema

Art. 72 bis codice consumo